L’Asia è una ragione per la marea che finalmente si rivolge alle criptovalute?

In un contesto di accresciuti livelli di incertezza del mercato, le notizie provenienti dall’Estremo Oriente sono state notevolmente progressiste. Le iniziative di regolatori e istituzioni hanno visto il lancio di prodotti che mancano agli investitori in Occidente.

Un allentamento della posizione normativa della Cina può essere un vento favorevole per l’industria delle criptovalute, con una domanda significativa che torna online. Insieme alle speranze di una riapertura dopo le rigorose politiche zero Covid, i mercati hanno motivo di essere ottimisti. Le restrizioni al confine cinese hanno iniziato ad allentarsi all’inizio di questo mese, dopo tre anni di chiusura.

I metalli industriali come il rame e l’acciaio, smorzati dalla mancanza di domanda cinese negli ultimi anni, sono aumentati di oltre il 30% rispetto ai minimi di ottobre. Anche sotto la stretta sorveglianza di Pechino, Hong Kong è stata l’epicentro di una serie di interessanti sviluppi.

Queste misure mirano a portare la città in un hub di risorse virtuali, con la posizione politica comunicata in modo più chiaro. C’è anche la possibilità che i cittadini cinesi possano accedere alle criptovalute attraverso Hong Kong. La regione attirava grandi giocatori di criptovaluta come Binance e FTX a causa della politica favorevole, ma da allora è stata scoraggiata dalle direttive più dure della terraferma.

Charles Li, presidente di Micro Connect, ha sottolineato che “Dobbiamo trovare modi per aiutare la Cina a fare cose che la Cina stessa non è ancora preparata e in grado di fare”, e che questo è stato un “passo psicologico” vitale.

Estendi la copertura antiriciclaggio

Entro giugno 2023, i fornitori di servizi di asset virtuali saranno soggetti alle stesse leggi antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo degli istituti finanziari tradizionali. Questo è principalmente mirato a includere il funzionamento degli scambi di asset virtuali. Hong Kong ha anche visto di recente il lancio del primo Exchange Traded Fund (ETF) di criptovaluta.

CSOP Asset Management ha emesso i tanto attesi titoli che offrono alle istituzioni un facile accesso a Bitcoin ed ethereum, i cui ETF hanno inizialmente raccolto rispettivamente 59 milioni e 20 milioni di dollari. Si è sostenuto che la mancanza di titoli accessibili come gli ETF negli Stati Uniti sia, in parte, una ragione dell’esodo di capitali verso giurisdizioni offshore meno regolamentate.

La Securities and Futures Commission (SFC) ha presentato una serie di token che consentirà agli investitori al dettaglio di scambiare, sebbene sia consapevole dei rischi che il settore comporta. Sono previsti programmi di licenza obbligatoria per le piattaforme che desiderano offrire servizi di vendita al dettaglio, insieme a una migliore istruzione.

La Cina è inoltre pronta a lanciare il primo mercato nazionale di risorse digitali, una piattaforma di token non fungibili (NFT) sostenuta dallo stato. Oltre agli oggetti da collezione NFT, il mercato faciliterà anche lo scambio di diritti di proprietà on-chain e diritti d’autore digitali.

Switch favorevole del Giappone sulle stablecoin

Dall’altra parte del Mar Cinese Orientale, le autorità giapponesi hanno dato il via libera per consentire la quotazione locale di stablecoin straniere. La Financial Services Agency (FSA) sta osservando regolamenti che consentiranno ai distributori locali di elaborare stablecoin incentrate sui pagamenti. Gli scambi nazionali non sono attualmente autorizzati a quotare stablecoin estere come USDT e USDC.

L’annullamento di questo divieto potrebbe aumentare in modo significativo i volumi di scambio nella regione poiché gli scambi locali saranno in grado di offrire asset abbinati alle più grandi monete stabili. Attualmente, quasi il 90% di tutte le negoziazioni di BTC sono condotte in stablecoin. FTX Japan è anche una delle sussidiarie solvibili del gruppo di società FTX. È probabile che i beni vengano messi in vendita, in attesa dell’approvazione del tribunale. I prelievi dei clienti per FTX Japan dovrebbero riprendere a febbraio.

South Korea recently announced the launch of a Metaverse that will be a replica of its capital city, Seoul. Citizens are being encouraged to use their virtual avatars to access tax advice, youth counselling, and small businesses. The Metaverse will soon incorporate augmented-reality and cryptocurrency, along with investor services.

This forms its Digital New Deal initiative, which seeks to improve public services.

Inflation slowing in the US, together with a decrease in the pace of rate hikes and a resumption in Chinese demand, could be the catalyst for an Asian-led recovery. We view these developments as overwhelmingly positive for the industry.

Anche se potrebbe essere troppo presto per chiamare un fondo, Bitcoin è attualmente scambiato in un territorio di valore profondo. I mercati cinesi e altri mercati asiatici sono di notevoli dimensioni e sono ciò di cui l’industria potrebbe aver bisogno per spingerci verso un nuovo mercato rialzista.

Cristoforo Flinos

Lo scrittore è amministratore delegato di Hayvn.

Source: https://gulfnews.com/business/analysis/is-asia-a-reason-for-the-tide-finally-turning-on-cryptocurrencies-1.1674557943282

Lascia un commento